Evento terminato

Nessuna valutazione
84 Visite

Info Evento

INNESTI CONTEMPORANEI
Squillace
Jul 27
2017

Dettagli evento

I laboratori di Innesti Contemporanei -Edizione Due
27 > 30 luglio 2017

All’interno del cartellone del Festival ideato e diretto da Nastro di Möbius verranno attivati 4 workshop, di cui uno dedicato ai più piccoli. Di seguito i dettagli

INNESTI Lab 1: Richiami
workshop di danza improvvisazione e contatto
diretto da Lara Russo

Casa delle Culture
27 > 30 luglio 2017
dalle ore 11.00 > alle ore 17.00

Il corpo di ognuno, il corpo in sé, da solo, per quanto
complesso, ha molti limiti.
E ́nell’incontro con l’altro che possibilitá di movimento e
creazione si moltiplicano.
Il lavoro che propongo é quello di rendere le tensioni tra i
corpi spazi elettrici, sensibili ed esplorabili.
(Ri)trovare un territorio comune per immergersi nel
potenziale energetico che ognuno giá possiede e condividerlo.
Tecnicamente, attraverso esercizi provenienti dalla tecnica
Contact Improvisation e dal Body mind centering si
cercheranno momenti di connessione tra il proprio movimento e
quello degli altri.
Appropriarsi dello spazio datoci per viverlo secondo criteri
stabiliti nel momento dalla improvvisazione, vivere lo spazio
tra i corpi come una porta di accesso ad altre modalitá di
stare e danzare e come una propria personale occasione di
apertura e trasformazione.
Lara Russo
www.lararusso.org

Lara Russo nasce e cresce a Milano. Attualmente insegna danza contemporanea e contact improvisation a Bologna presso la formazione professionale Dance start up diretta da Brigel Gjoka , perpetuando la sua ricerca artistica sia nel campo fotografico/video che sul terreno performativo, come coreografa e interprete. Considera la ricerca coreografica una possibilità d’incontro con l’altro per sviluppare nuovi modi di espressione: in particolare, il suo campo di d’indagine spazia dal site specific all’interazione tra danza contemporanea e arti plastiche, integrando nelle proprie produzioni danzatori e musicisti. Partecipante al progetto I.F.A presso Inteatro (Polverigi), 2013 vince il premio GD’A Giovani Danz’autori con lo spettacolo Allumin-io (sviluppato in collaborazione con Alessia Lovreglio). Residenza artistica al teatro di Ruvo di puglia. Nella Biennale di Venezia 2013 lavora come assistente alla regia di Virgilio Sieni per gli spettacoli Agorà tutti e Madri e figli. È invitata alla prima edizione del festival Eden _Conect the dots, Roma, per presentare lo spettacolo Legame che arriva finalista al festival ‘Dominio Pubblico’ e riceve la menzione speciale al concorso Danzè, Oriente Occidente. Riceve la borsa di studio per Ecite, incontro d’insegnanti di C.I. Ponderosa 2014, Germania.
Selezionata per il percorso Nuove Traiettorie 2015/2016
organizzato dalla rete Anticorpi di Ravenna.
Selezionata con i video danza “Tra” e “my parents” al festival
danza in un minuto, Torino, al festival di videodanza di
Bruxelles e al festival Avanti di Berlino .
Nel 2015 vince il concorso Dna Appunti coreografici a RomaEuropa Festival con lo spettacolo Ra-me che debutta alla Biennale di Venezia Giugno 2016.

Info e iscrizioni 334 8054388 / info@nastrodimobius.it

/////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

INNESTI Lab 2: Cantiere di teatro interattivo e sensoriale in spazi non convenzionali
Peek Day Squillace: Reverie
diretto da Emi Bianchi

27 luglio 2017
Casa delle Culture | Castello Normanno
dalle ore 10.00 > 13.00 | dalle ore 15.00 > alle ore 19.00

«La poesia è un’anima che inaugura una forma”.
(Gaston Bachelard “La poetica dello spazio”)

Confine incerto propone una giornata dedicata alla ricerca sulla poetica dei sensi site specific.
Il focus verte su alcune domande relative alla creazione di una immagine poetica.
Come creare un’immagine poetica? Cosa è l‘immagine fantastica? e l’immaginazione immaginosa? Che relazione ha l’immaginazione con la memoria? C’è un potere immaginante in ognuno di noi e se lo ascoltassimo? Quale mistero custodisce? Qual è il suo segreto? Quando un’immagine non lascia spazio all’immaginazione e quando invece diventa fonte di creazione immaginativa per chi la esperisce? Cosa ci racconta lo spazio? E quando “parla il luogo”? Cosa c’era, chi avremmo incontrato, con chi avremmo parlato e cosa avremmo trovato o cercato in questo cumulo di pietre, forse un segreto?
Il cantiere segue le tecniche della metodologia ludico-creativa, quel metodo che trasforma un gioco in atto poetico, concetto caro a Huizinga, secondo cui il percorso che conduce alla creazione e all’esperire è il gioco nelle sue caratteristiche di atto libero, consapevole, disinteressato; ed è legato all’esperienza di teatro sensoriale (metodo creato e sviluppato dal Maestro Enrique Vargas e il Teatro de Los Sentidos)
Il lavoro verte su: allenamento propriocettivo, come creare l’ascolto e la fiducia, cos’è uno spazio caricato di senso, principi di “costruzione” dell’immaginario attraverso i sensi
L’incontro è guidato da Emi Bianchi, è aperto a chiunque sia interessato a sperimentare “giocando”

*numero partecipanti limitato
Info e iscrizioni: 3294018888 / confineincerto@gmail.com

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

INNESTI Lab 3: I Seminario Linklater. Consapevoelzza del corpo e ritmo del respiro naturale.
Seminario d’introduzione al metodo Linklater
diretto da Maria Grazia Bisurgi

28 > 29 luglio 2017
Casa delle Culture
dalle ore 15.00 > alle ore 19.00

Si rivolge ad attori, cantanti e altri professionisti che usano la voce per lavoro, e a chiunque sia interessato ad approfondire la conoscenza della propria voce ed esplorarne le potenzialità. Il percorso parte dal prendere coscienza delle proprie abitudini posturali, muscolari e respiratorie per andare alla scoperta di nuove possibilità, fisiche, respiratorie, vocali ed espressive.
Il lavoro, profondamente radicato nel corpo, va nella direzione della libertà emotiva, della finezza degli impulsi e della chiarezza di pensiero, elementi fondamentali di una comunicazione efficace.
I partecipanti saranno guidati in un percorso passando dalla consapevolezza del corpo, del respiro, delle vibrazioni nel corpo, dello scioglimento delle tensioni del canale fonatorio, per ripristinare il libero accesso ai risuonatori, potenziare la capacità respiratoria, e sviluppare l’estensione vocale e l’articolazione della voce in parola.
L’obiettivo è quello di liberare la propria voce naturale da tensioni e abitudini comunicative limitanti per ritrovare la propria voce trasparente, che riveli, piuttosto che descrivere, il suo contenuto: pensieri, emozioni, sensazioni.

IL METODO
Il metodo Linklater parte dal presupposto che ognuno possiede una voce in grado di esprimere l’infinita varietà di emozioni, complessità di stati d’animo e sfumature di pensiero di cui fa esperienza. Questa è la nostra voce naturale, la voce che è in noi “per nascita”.
Questa voce tuttavia è nel corso della nostra vita modellata e condizionata da influenze esterne e da scelte personali relative all’immagine che vogliamo dare di noi stessi. Il risultato è la voce che conosciamo, la nostra voce familiare.
La voce che ci è familiare, quella a cui siamo abituati, potrebbe risultare molto limitata nella performance. Perché la nostra voce familiare potrebbe essere in balia delle tensioni accumulate nel corso della vita e aver imparato a mascherare piuttosto che a rivelare i nostri pensieri e i nostri sentimenti, tanto da non essere disponibile alla libera espressione del contenuto di uno “script” (testo teatrale, spartito, discorso…).
A questo punto possiamo scegliere di costruire una voce che ad arte descriva emozioni e pensieri (i nostri o quelli del testo e del personaggio), o riconquistare l’uso della nostra voce naturale per consentire la trasmissione del nostro mondo interiore (delle emozioni e dell’immaginazione) a chi ci ascolta. La voce naturale ci permetterà di rivelare – non descrivere – le sfumature del pensiero e del sentire. Ma sarà soltanto liberando la nostra voce dalle tensioni abitudinarie che potremmo metterla al servizio di una libera comunicazione.
Il Metodo propone una dettagliata serie di esercizi che combinano immagini, immaginazione e informazioni tecniche. Chi vorrà apprenderli arriverà a una comprensione della psico-fisiologia della sua voce che darà luogo a un fondamentale ricondizionamento delle sue abituali modalità comunicative.
Gli esercizi si articolano in una struttura dettagliata e accuratamente progettata, che si sviluppa nei seguenti passaggi:

IL CORPO: la spina dorsale, il supporto al respiro naturale.
IL RESPIRO: liberare il respiro, il ritmo della respirazione involontaria.

Info e iscrizioni: +39 3669914042 / +39 3206740523 | conimieiocchi2014@gmail.com / conimiei-occhi@libero.it

////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

INNESTI Lab Young: I segreti della Piazza
laboratorio teatrale sul linguaggio non verbale
diretto da Francesco Votano e Maria Grazia Bisurgi | ConimieiOcchi

30 luglio 2017
Casa delle Culture | Piazza Duomo
Dalle 16.00 > alle 19.00

Il laboratorio affronta tematiche sociali come l’accoglienza e l’emarginazione indagandole attraverso la comicità. I ragazzi saranno condotti, grazie ad una serie di giochi/esercizio e feedback sul lavoro, alla realizzazione di una performance finale da proporre al pubblico; saranno coinvolti nella strutturazione di un vero e proprio spettacolo teatrale che li vedrà protagonisti assoluti della scena.
La tecnica teatrale che indagheremo sarà il linguaggio non verbale e l’arte della comicità del Clown e la poetica del fallimento.
L’impianto sarà quello del cinema muto anni ’30, ispirato all’ arte di Charlie Chaplin (il percorso potrebbe essere arricchito dalla visione collettiva di alcuni video/filmati riguardanti l’arte comunicativa del linguaggio non verbale).
Il Linguaggio non verbale rappresenta un valore universale: tutte le forme di relazione che l’uomo instaura nel corso dell’esistenza, con se stesso, con gli altri esseri umani, con il mondo naturale, sono permeate di non verbale. Anche nel linguaggio parlato e scritto, il contenuto extra-verbale ha un potere comunicativo ed emotivo addirittura superiore alle parole stesse.
Le diverse forme artistiche – musica, pittura, scultura, danza, etc. -, organizzate in complessi codici comunicativi (le tecniche dei linguaggi artistici), rappresentano il più evidente fenomeno di comunicazione non verbale delle emozioni.

Info e iscrizioni: +39 3669914042 / +39 3206740523 | conimieiocchi2014@gmail.com / conimiei-occhi@libero.it
INNESTI CONTEMPORANEI - Innesti Lab

INNESTI CONTEMPORANEI
INNESTI CONTEMPORANEI

Piazza castello, 88069
Squillace,

DeNob’Art Catanzaro
18/09/2017
28
0
24/09/2017
19
0