Evento terminato

Nessuna valutazione
97 Visite

Info Evento

COMPLESSO MONUMENTALE DEL SAN GIOVANNI
Catanzaro
May 06
2017

Dettagli evento

Marcello Sèstito
Grumi Contratti di Senso

Dev’essere per quella strana congiunzione tra cielo e mare, o per l’avere osservato a lungo le spiagge joniche cariche di colori e di umori provenienti dalle colline disciolte che travasano sul litorale detriti e legnami, cocci di vetri come diamanti colorati cercati nell’infanzia come i cercatori d’oro setacciando la sabbia, pietre incandescenti o scorie sublimi, objet trouvè a reazione poetica, come li intendeva Le Corbusier nelle sue peregrinazioni, che a volte ci si sofferma con insistenza a contemplare quanto la natura maestra ci regala.
È In tale logica di osservazione, di una natura non ancora naturata, che si sofferma l’occhio di De Fazio, come uno scrutatore che avanza le sue ispezioni nell’immaginifico, come un palombaro pronto ad inabissarsi non nel fluido o nella liquidità dell’acqua, ma nella consistenza della materia fino a renderla trasparente o traslucida. Fino a far emergere di essa quella luce come provenisse da lontano o da vicino tanta è la sua capacità di assorbire attraverso il colore le proprietà specifiche delle consistenze e delle asperità, delle fragranze e delle asprezze.
Come se si trattasse di dare una vita organica oltre l’organico, riconducendo le forme alla loro ancestrale teogonia.Il metodo per ottenere dalle consistenze delle materie la traspa- renza lo applica attraverso un sistema di velature coloristiche in grado, per via di levare o sommare, di raggiungere l’essenza del soggetto. È come se si volesse trascendere dallo sguardo quotidiano sulle cose per raggiungere quella verità iniziale in cui, nel crogiolo del mondo, le materie in ribollire si apprestavano al loro assestamento. Un voler raggiungere quella condizione iniziale come nella creazione del mondo nel trittico delle delizie di Bosch, dove un magma incandescente si dispone al suo raffreddamento e condensazione, ed in tale passaggio offrisse momenti di fissità colti dal nostro.
A rendere queste tele magmatiche vi contribuisce la schiuma, quella resa celebre da uno Sloterdijk, stesa con passaggi continui e velature controllate, essa si dispone sulla superficie a conferire una insolita profondità, una spuma in cui si avverte il travaglio dei materiali e le risonanze e gli urti delle pietre, quasi un suono in sottofondo; il colore generale è così contrastato dal bianco che si insinua fin negli intimi pertugi, come una nebbia lattiginosa e persistente che si addensa e si dirada lasciando scoperte alcune parti dove il colore si illumina e le tele si presentano come grumi contratti di senso che insistono nel volerci confermare la nostra appartenenza alla Terra.
Giuseppe De Fazio

COMPLESSO MONUMENTALE DEL SAN GIOVANNI
COMPLESSO MONUMENTALE DEL SAN GIOVANNI

Corso G. Mazzini, 88100
Catanzaro,

12/06/2017
37
0
17/06/2017
9
0
12/06/2017
37
0
RESTATE AL MUSEO! CATANZARO
13/06/2017
38
0
17/06/2017
9
0